Marche in festa

Sagre, Fiere, Feste ed Eventi della regione Marche


| Altri
  

Le foto di giacomelli in mostra al museo della mezzadria

Appuntamento della manifestazione m'arcord mario



Pubblicato il 28/07/2011
Letture: 1165
- Commenti: 0

Quelle esposte in “Lavoro contadino e paesaggio agrario: le fotografie di Mario Giacomelli nel Museo Anselmi” sono foto che fanno emergere la perfetta fusione tra i soggetti delle fotografie e i temi dei quali si occupa il Museo.

Raccontano infatti il processo di trasformazione che negli anni Cinquanta-Settanta si era verificato in gran parte del territorio agricolo non solo marchigiano, messo a confronto con fotografie che documentano l’epoca dei grandi lavori in una campagna senza macchine ma piena di uomini, donne e animali.

Consapevolmente Giacomelli aveva affidato le sue foto ad Anselmi, storico della regione e della sua agricoltura, perché entrambi comprendevano quanto quelle immagini fossero un apparato documentario significativo per degli studi di storia della regione e per un Museo che quella storia sapeva illustrare. “Il primo tornava in anni successivi a fotografare gli stessi luoghi per lasciare un documento – fa notare la professoressa Ada Antonietti, direttrice del Museo Anselmi e curatrice di mostra e catalogo, al quale ha collaborato con un breve testo anche Simone Giacomelli - prima che i segni della terra andassero persi «per la relativa durata nel tempo» e affidava al secondo, professore di Storia economica, storico della regione e della sua agricoltura, le sue fotografie perché aveva capito che il professore avrebbe saputo dar voce alle sue immagini, che narravano le trasformazioni del territorio regionale all’indomani della crisi della mezzadria”.

Un racconto attraverso oltre 50 fotografie, alcune esposte per la prima volta, affidate da Giacomelli ad Anselmi all'indomani dell'apertura del Museo, nel 1978, che vengono presentate con una nuova disposizione, proposta appositamente per “M'arcord Mario”. Nove immagini di paesaggio agrario (1955-1977) già inserite dallo storico Anselmi in un famoso articolo sulla rivista di Storia economica “Proposte e ricerche” (1978), aprono il percorso di visita nel Chiostro, accompagnate dai commenti da lui scritti per quella occasione. Si prosegue all’interno con altre fotografie che vanno dal paesaggio agrario (1955-1978) al lavoro contadino (1968) in un grande podere del Senigalliese, con il suggestivo falciatore con falce fenàra o con la faticosa formazione del pagliaio che coinvolge molte donne, fino a incontrare l’uccisione del maiale (serie “Contadini”, 1968), spettacolo al quale assiste perplesso anche un bambino, che per un attimo smette di giocare con la fionda. Il progetto di allestimento è di Giuliano De Minicis.

di Redazione Marcheinfesta

I commenti dei lettori



Sfoglia:


Google+

Utilità:

Scelti per voi
Ultimi eventi inseriti
Approfondimenti
E' il momento della "Festa delle...
Torna per la 37esima volta il 'rito' di maggio a Montignano...
In casa Montignanese fervono i preparativi per la tradizionale “Festa del cuntadin” a...
VARIAZIONE ORA DI INIZIO
Si informa che la conferenza comincerà alle ore 17:30 e non alle 18:00 come indicato nella...
'Fulgebunt iusti' diventa 'Donna, sei tanto grande'
Cari amici, relativamente al concerto in programma questo sabato presso l'Abbazia di...
Redazionali
Da San Valentino alla Festa della...
Meglio rivolgersi a chi delle idee regalo ha fatto una...
È sempre il giorno giusto per fare un regalo alla fidanzata, alla moglie o a un'amica,...
Natale al G.D.A. Stockhouse di...
Aperto sabato 8 Dicembre e tutte le domeniche di Dicembre
Come ogni anno il negozio Gda Stockhouse di Montignano di Senigallia sarà aperto tutte le...
Quando sostituire le gomme...
Guidare con pneumatici usurati, può dare pessima tenuta di...
Riuscire a comprendere quando è il momento per cambiare le gomme della propria automobile è molto...
Il meteo oggi nelle Marche
Meteo Marche